• (+39) 3381732109
  • rosa@ilpompelmorosa.it

Blog

come scegliere frutta e verdura

Come scegliere le verdure

Quante volte ti sei trovato la supermercato e con tutta la buona volontà di iniziare una dieta salutare ti sei trovato nel reparto frutta e verdura senza sapere cosa scegliere.

Ritengo che imparare a fare la spesa, quindi riuscire selezionare e scegliere i giusti alimenti da inserire nel carrello sia essenziale e di fondamentale importanza per riuscire a fare un cambio definitivo dello stile di vita.

Inoltre nelle donne che si rivolgono a me per percorsi di fertilità attraverso PMA o meno, la scelta delle verdure e della frutta assume un ruolo importantissimo perche le verdure, se derivano da coltivazioni intensive possono essere ricche di interferenti endocrini e causare alterazioni dell’equilibrio ormonale. nel parlo meglio in questi due articoli qui e qui

Allora quali regole base seguire, per scegliere meglio frutta e verdura?

Stagionalità

la stagionalità assicura gusto e qualità, spesso, verdure fuori stagione possono sembraci fresche e perfette ma sono quasi sempre senza sapore. Quando fai la lista della spesa consulta il calendario delle stagioni, rappresenta un valido aiuto.

Freschezza

Preferisci le verdure fresche a quelle congelate, anche se magari si conservano per meno tempo e devi prepararle in pochi giorni, sono più ricche in minerali e rappresentano un vero scudo di antiossidanti e un’ integrazione di minerali e vitamine che invece nelle verdure congelate tendono a ridursi.

Biologico

Preferisci le verdure e la frutta biologica, non è stata sottoposta a trattamenti chimici e non presenta sulle superfici pesticidi che danno problemi si salute e anche ormonali (fertilità). Infatti, i pesticidi, rappresentano degli interferenti endocrini (per approfondire leggi qui).

Testala

Non sempre è possibile ma quando lo è non esimerti da odorare e testare la consistenza con le mani. La verdura fresca ha un profumo intenso e una consistenza soda. Anche il colore può essere d’aiuto, la verdura fresca ha colori vividi (ma non finiti) .

Hai ancora dubbi ? Scrivimi

Stress, fertilità e dieta

In che modo lo stress può incidere sulla fertilità e come la dieta può rappresentare uno strumento che può aiutarci o in caso contrario peggiorare la situazione ?

Lo stess, ha una definizione abbastanza ampia, e si intende qualunque stimolo esterno o interno all’organismo che lo induca a spostarsi dal suo equilibrio (omeostasi).

Il nostro organismo risponde allo stress con la produzione di cortisiolo. Il cortisolo è un ormone vitale che ha permesso al nostro organismo a rispondere agli innumerevoli stress a cui l’uomo veniva sottoposto dall’età della pietra ai giorni nostri.

Il cortisolo viene prodotto, quando abbiamo paura ad esempio per un colloquio importante o un esame o quando, ai tempi delle caverne, ci trovavamo difronte ad una fiera e dovevamo scappare via più velocemente possibile, oppure viene prodotto in caso di carestia, permettendoci di restare in vita nonostante non sia disponibile cibo anche per molti giorno.

Il cortisolo, infatti, favorisce la liberazione degli zuccheri nel sangue e questo permette un nutrimento per i muscoli in caso in cui si debba correre o in caso in cui non ci sia cibo disponibile.

Ad oggi lo stress che ci troviamo ad affrontare , nonostante sia notevole, non implica quasi mai di dover correre o di affrontare una vera e propria carestia. Oltretutto al giorno d’oggi lo stress è più facilmente uno stress cronico, che quindi perdura nel tempo (come i ritmi frenetici di vita che ci troviamo ad affrontare o le scadenze) più che uno stress acuto come un esame o un colloquio.

Il cortisolo esplica la sua funzione di risposta allo stress con un aumentando la pressione sanguina e lo zucchero nel sangue. Questo ci spiega perche prima di un evento importante o quando siamo agitati non abbiamo fame: abbiamo il cortisolo elevato.

Quando però lo stress perdura e diventa uno stress cronico, le alterazioni ormonali che ne derivano portano ad un aumento della fame , in particolare la fame nervosa, nonostante continuino a restare alti glicemia e pressione.

Come si ripercuote tutto questo sulla fertilità e sull’equilibrio ormonale?

in due modi principalmente:

Alterazione equilibrio glicemico, alterazione equilibro ormoni sessuali

Alterazione equilibrio glicemico

Come detto prima il cortisolo aumenta la concentrazione di zucchero nel sangue, inducendo un aumento dell’insulina che, come già spiegato in altri articoli incide negativamente sulla produzione degli ormoni sessuali, e in caso di PCOS favorisce anche un aumento degli androgeni (ormoni maschili) a scapito di ormoni femminili (estrogeni). Inoltre un aumento del glucosio e dell’insulina circolante si riversa anche nel liquido follicolare, alterando il corretto sviluppo degli ovociti, fondamentali per una corretta ovulazione e quindi un concepimento.

Alterazione dell’equilibrio degli ormoni sessuali

Il cortisolo come detto è un ormone vitale e quindi, quando è richiesto il suo intervento viene comunque prodotto in via preferenziale, ma come incide questo sull’equilibrio degli ormoni sessuali? Il cortisolo viene prodotto a partire dal colesterolo che è in realtà anche il precursore di tutti gli ormoni sessuali.

Con un’ eccessiva produzione di cortisolo, dovuto ad una richiesta sempre costante, vi può essere una conseguente riduzione di tutti gli ormoni sessuali. Il primo che viene ridotto è il progesterone che è, insieme agli estrogeni, il principale ormone sessuale femminile, e le sue corrette concentrazioni sono essenziali per una corretta ovulazione, e una corretta crescita e maturazione dell’endometrio (tessuto volto ad accogliere l’uovo fecondato).

In che modo la dieta e lo stile di vita possono favorire la riduzione del cortisolo e dello stress?

  • eliminare la fonte di stress (ove possibile)
  • dormire 7-8 ore a notte
  • eliminare schermi tablet e luci bianche prime di andare a dormire
  • non fare diete restrittive
  • aumentare il consumo di grassi saturi cosi da dare supporto alla produzione di cortisolo e progesterone
  • escludere gli zuccheri semplici, per l’elevata presenza di zucchero nel sangue e l’elevata presenza di insulina, ma consumare solo cereali complessi meglio se a cena cosi da favorire la riduzione del cortisolo
  • fai meditazione, ascolta musica e leggi libri possono aiutarti a sedare lo stress

crumble di fragole ricetta

Crumble di fragole – ricetta

  • 100 gr di farina di riso (o in alternativa farina di mandorle )
  • 70 gr di farina di cocco ( o in alternativa fiocchi d’avena)
  • 20 gr di zucchero (o in alternativa dolcificante)
  • 80 gr di burro chiarificato
  • 400 gr di fragole
  • buccia di un limone

Preparazione

mescolare la farina, con il cocco o i fiocchi d’avena lo zucchero e il burro fino ad ottenere un composto sabbioso.

lavare e asciugare le fragile e mettere in un contenitore adatto alla cottura al forno, aggiungere la buccia di limone grattugiato, e coprire con il composto sabbioso.

Infornare a 180° per 20 min

Prepararla con cocco, farina di mandorle e dolcificante la rende con un bassissimo contenuto di zuccheri semplici e ricca in grassi che possono essere utile in percorsi specifici di fertilità