• (+39) 3381732109
  • rosa@ilpompelmorosa.it

Category Archive Ricette

ricetta di muffin proteici

Muffin proteici frutta

Questi muffin sono la soluzione perfetta per chi ha necessità di consumare proteine al mattino ma non ha voglia di colazioni salate.

Sono facili da fare e si conservano un paio di giorni.

Ingredienti:

  • 150 gr di albumi
  • succo di mezzo limone
  • 30 gr di farina di riso o grano saraceno
  • 5 gr di maizena
  • 5 cps di stevia o un cucchiaino di eritritolo
  • frutta fresca (meglio frutti rossi o di bosco)

Preparazione

mettere gli albumi in una ciotola e aggiungere il succo di mezzo limone, montare con fruste elettriche fino a montarle a neve ben ferma. Aggiungere quindi farina, maizena e dolcificante e incorporarle con movimenti dall’alto verso il basso, in modo che non si smontino gli albumi.

Preparare il forno riscaldandolo a 180°, intento mettere l’impasto in piccoli pirottini, precedentemente imburrati, da questo impasto a me sono usciti 10 muffin. Aggiungere in ogni pirottino un piccolo frutto a scelta e infornare.

20 min a 180° in forno statico, far raffreddare e gustare !

crumble di fragole ricetta

Crumble di fragole – ricetta

  • 100 gr di farina di riso (o in alternativa farina di mandorle )
  • 70 gr di farina di cocco ( o in alternativa fiocchi d’avena)
  • 20 gr di zucchero (o in alternativa dolcificante)
  • 80 gr di burro chiarificato
  • 400 gr di fragole
  • buccia di un limone

Preparazione

mescolare la farina, con il cocco o i fiocchi d’avena lo zucchero e il burro fino ad ottenere un composto sabbioso.

lavare e asciugare le fragile e mettere in un contenitore adatto alla cottura al forno, aggiungere la buccia di limone grattugiato, e coprire con il composto sabbioso.

Infornare a 180° per 20 min

Prepararla con cocco, farina di mandorle e dolcificante la rende con un bassissimo contenuto di zuccheri semplici e ricca in grassi che possono essere utile in percorsi specifici di fertilità

Crakers di semi di lino – ricetta

I carkers di semi di lino sono perfetti per chi segue regimi dietetici specifici (basso carico glicemico, no latte, no glutine o keto) sono davvero sfiziosi e semplicissimi da fare !

Ingredienti

  • 240 gr di semi di lino
  • 400 mL di acqua
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • spezie a piacere (io ho usato paprika e pinoli / rosmarino fresco e semi di sesamo

Preparazione

Mescolare i semi di lino, precedentemente frullati con un frullatore ad alta potenza o un macina caffè elettrico, con l’acqua in modo che si formi un impasto denso e lasciare riposare per 10-15 min (in questo modo i semi di lino si riempiranno d’acqua.

consire con sale e pepe e aggiungere le spezie desiderate.

versare poi l’impasto su una teglia da forno ricoperta di carta forno e far cuocere per 25 minuti a 180°, sfornare, tagliare i carkers, capovolgerli e infine infornarli nuovamente per altri 25 min.

I carkers sono pronti per essere gustati, possono accompagnare secondi o essere utilizzati per un aperitivo

VERDURE FERMENTATE

Carote (e altre verdure) fermentate RICETTA

Ricetta per preparare le verdure fermentate!

Ho assaggiato queste carote fermentate la prima vota in Danimarca e me ne sono innamorata, sono buonissime, croccanti e perfette per iniziare il pasto !

Proprietà Nutrizionali

Le verdure fermentate sono estremamente utili per la nostra salute, infatti la fermentazione rappresenta l’unico metodologia di conservazione che aumenta le proprietà nutrizionali del prodotto iniziale.

Le verdure fermentate si arricchiscono di fermenti lattici e inoltre la loro digeribilità è aumentate. Sono molto consigliate in perone che hanno difficoltà digestive o che presentano un rallentamento del transito intestinale o per chi soffre un un riduzione dell’acido gastrico (problematica molto piu frequente dell’iperacidità ma molto meno diagnosticata). In una dieta equilibrata le verdure fermentate non dovrebbero mai mancare e in modo particolare in un approccio funzionale non bisognerebbe mangiare ogni giorno un tibero 2 verdure fresce e una verdura fermentate questo per assicurare sepre un corretto equilibtrio intestinale.

Attenzione però ad evitarle in caso di SIBO (Sovraccrescita Batterica Piccolo Intestino) o in caso di iperfermetazione.

Le verdure fermentate sono facilissime da fare  c’è solo bisogno di pazienza per poterle assaggiare (circa 2-3 settimane)

io ho preparato le carote ma è possibile preparare moltissime altre verdure in  questo modo

Cosa occorre

barattoli in vetro per la conservazione degli alimenti

10 carote (o altre verdure a scelta nella quantità che possano riempire i barattoli)

1 L di acqua (io ho usato quella del rubinetto filtrata)

30 gr di sale

spezie (io ho messo aglio e rosmarino)

Come procedere

far bollire i barattoli e i coperchi in abbondante acqua tenendoli in ebollizione per 10 minuti e poi farli asciugare sotto sopra in su un panno.

Pelare le carote e togliere la cime e la punta, tagliarle longitudinalmente cercando di mantenere la stessa larghezze e lunghezza per tutte. Suggerisco di farle più basse del barattolo di circa 1.5-2 cm.

Inserire le carote nel barattolo insieme alla spezie e a parte mescolare acqua e sale.  Quando il sale sarà completamente sciolto versare il liquido nel barattolo con le carote e chiuderlo. Il nostro lavoro è finito dopo un paio di giorni inizierà la fermentazione che sarà completa dopo 2-3 settimane.

 

 

 

 

dumplings

Dumpligs – ricetta –

I dumplings sono dei simpatici e golosissimi ravioli cinesi.

L’altra sera ho pesato di prepararli per fare una versione di piatto unico diverso dal solito 🙂

Armatevi di tempo e pazienza per un risultato gustoso

Ho sperimentato due tipologie di impasto una più delicata ma leggermente più laboriosa e una seconda decisamente più semplice

Per l’impasto (versione complessa e gluten free)

  • 60 gr di fecola di patate
  • 60 gr di farina di riso
  • 200 mL di acqua bollente

Impastare energicamente gli ingredienti quando l’acqua è ancora cada, sarà particolarmente appiccicoso, passare poi a lavorarlo, in piccoli pezzi,  su un tavolo di legno unto con olio di semi con una spatola di plastica o di metallo (per evitare che si appiccichi) fino ad ottenere un composto di colore bianco opaco ed omogeneo.

Successivamente fare dei rotolini lunghi del diametro di 1 cm / 1,5 cm e successivamente tagliarli in sezioni di circa 2 cm  fare delle palline e lavorarle fino ad ottenere dei dischi sottili e tondi

Impasto facile

  • 120 gr di farina
  • 80 gr di acqua

mescolare energicamente gli ingredienti con le mani in una ciotola e continuare a lavorarli su una piana con le mani. Quando l’impasto sarà omogeneo dividerlo in parti uguali e  fare dei rotolini lunghi e con diametro di 1 cm / 1,5 cm e successivamente tagliarli in sezioni di circa 2 cm  fare delle palline e lavorarle fino ad ottenere dei dischi sottili e tondi.

 

Ripieno interno di carne

  • 250 gr di carne di maiale non particolarmente magra
  • 100 gr di cavolo verza
  • un cipollotto fresco

Ripieno di pesce

  • 200 gr di gamberi freschi
  • un cipollotto fresco

quando il ripieno sarà pronto farcire i dischetti e chiuderli, lo si può fare all’italiana, unendo i lembi a mezza luna con la forchetta o prodigarsi nella chiusura abile con le mani per la quale vi suggerisco qualche video su you tube.

Cottura, anche qui ci sono due versioni vapore e in padella

A vapore

Porre i ravioli su una vaporiere, ricoperta di carta forno traforata, se avete la vaporiera di bambu è molto più scenica, in alternativa quella di metallo o quella elettrica va molto più che bene, e lasciarli cuocere per almeno 15 min

In padella

Scaldare in una padella, che abbia spazio sufficiente a disporre tutti i ravioli che vogliamo cuocere, un filo d’olio di semi.

Aggiungere i ravioli e lasciarli su fiamma vivace per 5 minuti, a questo punto aggiungere mezzo bicchiere d’acqua con all’inerno mezzo cucchiaino di fecola di patate sciolto all’interno, abbassare la fiamma e corire con un coperchio per altri 10 minuti.

N.B. non toccare ne spostare i ravioli, non si bruceranno,  ma faranno una crosticina golosa e croccante.

 

 

falafel di ceci

falafel – polpette di ceci

I legumi rappresentano un alimento molto prezioso nella nostra dieta è ricco di fibre, ha una buona quota proteica, in estate, però, consumare i legumi può essere difficile, soprattutto se si è abituati a mangiarli solo a zuppa … ed è davvero un peccato rinunciarvi solo perchè scarseggia la fantasia in cucina… per questo motivo oggi vi propongo una ricetta dal sapore arabo che vi farà riscoprire i legumi anche in estate 🙂

La ricetta di oggi sono i falafel: polpettine di ceci o fave accompagnate da una salsina deliziosa a base di sesamo (ricca di acidi grassi polinsaturi e di calcio).

Allacciate i grembiuli e partiamo

Ingredienti:

Per le polpette

  • 460 gr di ceci cotti e sgocciolati ( o fave o altro legume)
  • una cipolla rossa
  • un /due spicchi di aglio (a cui consiglio di togliere l’anime cioè quella strisciolina verde all’interno che rende meno digeribile l’aglio)
  • un pugno di coriandolo fresco (oppure un cucchiaino in polvere)
  • un pugno di prezzemolo fresco
  • un paio di cucchiai di olio di oliva
  • un cucchiaino di cumino in polvere
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di bicarbonato di sodio

Per la salsa

  • salsa thaina (la si trova la supermercato ne reparti cibi esotici)
  • succo di un limone
  • una tazzina da caffè d’acqua
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

In un mixer inserire i ceci, se si usano quelli in barattolo scolarli bene e sciacquarli così da eliminare il sale in eccesso, la cipolla, l’aglio, il coriandolo e il prezzemolo e mixare cosi mescolare gli ingredienti tra loro (il composto avrà una consistenza granulosa).

Aggiungere all’interno del mixer anche, l’olio, il succo di limone , il cumino, il sale e il bicarbonato e mixare un altro paio di minuti.

A questo punto prelevare piccole porzioni di impasto e formare le polpettine, ponedole su una teglia da forno ricoperta di carta forno. Un a volta completate le polpette inserirle in forno precedentemente riscaldato per circa 20 minuti, una volta trascorsi girare sul lato opposto le polpette e lasciarle cuocere altri 10 minuti.

Mentre le polpette ultimano la cottura iniziamo a preparare la salsa.

In una ciotolina inserire un paio di cucchiai abbondanti di salsa tahina, il succo di un limone, l’acqua il sale e il pepe mescolare bene, può essere utile aiutarsi con una frusta così da emulsionare bene i grassi della salsa con il succo di limone, e continuare a mescolare fino ad ottenere un composti denso e cremoso (in caso il composto dovesse risultare troppo denso aggiungere un paio di cucchiaini di acqua).

Ecco pronte le Falafel con la salsa tahina perfette per guarnire una piadina o da inserire in un’insalata oppure come secondo estivo fresco e veloce 🙂