Home / Articoli /

Il grasso è tutto uguale ? La localizzazione del grasso e il suo significato

il grasso è tutto uguale?

Il grasso è tutto uguale ? La localizzazione del grasso e il suo significato

Il grasso è tutto uguale ? Perché ci sono persone che hanno braccia e gambe magrissime e hanno solo la pancia grossa e invece esistono altre persone che hanno la parte superiore del corpo più minuta e invece fianchi e gambe più prominenti ? Cosa influenza la deposizione del grasso ma, soprattutto, a livello metabolico sono ugualmente pericolosi per la nostra salute? Il tipo di dieta da seguire sarà la stessa ?

Andiamo per gradi e cerchiamo di capire bene di cosa parliamo.

Il grasso che si deposita a livello addominale, grasso dell’omento, definisce un’obesità androide (infatti è tipicamente maschile) e viene associata alla forma della mela, perché è un grasso che si posiziona a livello centrale .

Il grasso che si deposita a livello dei fianchi, grasso pertrocanterico, definisce un’obesità ginoide (tipicamente femminile) e viene associata alla forma della pera, perché è un grasso che si posiziona a livello periferico.

grasso mela grasso pera

grasso mela grasso pera

La deposizione del grasso in un punto o in un altro è definita dagli ormoni:

Il grasso a livello addominale è dovuto ad un eccessiva prodizione di insulina che porta ad un accumulo del grasso a questo livello, mentre il grasso dei fianchi è dovuto alla presenza degli estrogeni, per questo motivo è più frequente nelle donne.

I due tipi di grasso non si differenziano solo per il punto di localizzazione ma anche per la natura:

  • il grasso addominale è un grasso che si posiziona all’interno della cavità addominale, circondando i vari organi ed è un grasso estremamente “attivo”. Infatti è un grasso che produce sostanze infiammatorie e che quindi richiama tutta una serie di fattori infiammatori. Per questo motivo questa tipologia di grasso è associata allo sviluppo di patologie croniche come diabete, ipertensione, steatosi (fegato grasso) e malattie cardiovascolari.
  • il grasso periferico è un grasso sottocutaneo quindi quasi “inerte” che ha valore di riserva energetica, in particolare è un grasso che ha un valore all’interno dell’evoluzione dell’uomo. Infatti è un grasso che assicura di poter portare avanti la gravidanza e l’allattamento dei figli anche in caso di carestia. Ovviamente questo è il significato evoluzionistico, nei tempi moderni le carestie sono lontane e la deposizione di questo grasso è notevolmente aumentata dando origine alla famosa cellulite. Oggi quindi, il dimagrimento a questo livello è comunque consigliato per favorire l’eliminazione dei liquidi e migliorare la circolazione. C’è da dire però che questa tipologia di grasso non è associata a patologie croniche ma solo, in casi gravi, a problemi di deambulazione, a carico di legamenti e articolazioni.

E la dieta ? è uguale in entrambi i casi ?

No, la dieta infatti oltre a dover essere differenziata in base alla persona e al suo grado di sovrappeso/obesità va anche differenziata in base alla deposizione di grasso in modo da esercitare un reset metabolico e influenzare positivamente gli ormoni e migliorare tutto l’assetto.

Per quanto riguarda il grasso addominale sarà importante migliorare la glicemia e cercare di regolarizzare con la dieta la secrezione di insulina. Sarà quindi efficace una dieta a basso indice glicemico, e in alcuni casi può essere utile partire con una dieta chetogenica come hanno dimostrato recenti studi (link qui).

Per soggetti, invece, che hanno necessità di perdere peso a livello periferico sarà più adatta una dieta con una ciclizzazione dei carboidrati (giorni in cui se ne mangiano di più e giorni in cui se ne mangiano meno) in modo da dare una spinta al metabolismo. N.B. questo tipo di grasso, anche se meno pericoloso per la salute, è più difficile da eliminare, soprattutto se il soggetto di partenza è magro e ha esclusivamente deposizione di grasso a livello dei fianchi. In questi casi potrebbe risultare utile ricorrere a protocolli dietetici specifici per eliminare adiposità localizzate.

Articolo scritto per VicoTime 

Share this article

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *